Studiare Diritto Facile

Attualmente in Lettura

Consulenza legale come alternativa all’avvocatura

consulenza-legaleSe sospetti che fare l’avvocato non faccia per te, probabilmente la strada della consulenza legale d’impresa potrebbe costituire una valida alternativa.

Ma andiamo con ordine. Spesso chi si iscrive a giurisprudenza sogna di diventare avvocato, magistrato, notaio… molto spesso però capita anche che la gente si iscriva a giurisprudenza perché non ha la più pallida idea di cosa fare della propria vita e siccome: “per la matematica sono negato, lettere sarebbe bello ma resterò disoccupato a vita… vado a fare giurisprudenza che non è una facoltà scientifica ed è più seria di filosofia”.

Fermo restando che è tutto da dimostrare che un filosofo sia più disoccupato di un avvocato, con questo articolo volevo solo esaminare con voi uno dei possibili scenari alternativi alla strada delle professioni legali classiche (avvocato, notaio, magistrato). Mi riferisco alla via della consulenza legale, ovvero l’attività di giurista d’impresa.

consulenza-legaleIl giurista d’impresa è quella figura di lavoratore che opera alle dipendenze dell’imprenditore per fornire allo stesso consulenza legale nello svolgimento dell’attività imprenditoriale. Quale tipo di consulenza legale? Beh può essere la più varia, dipende:

  • da che tipo di impresa si tratta (manifattura, servizi, agroalimentare …)
  • da come l’imprenditore ha deciso di organizzare i propri uffici, stabilendo di cosa si occupi il legale interno e di cosa il/i legali esterni
  • da che posizione riveste il giurista d’impresa (può essere un semplice impiegato o avere un ruolo manageriale)
  • ecc.

L’unica certezza è che il giurista d’impresa non può patrocinare in giudizio, questi quindi non potrà assistere l’impresa nelle controversie che abbia con i terzi, di qualsiasi natura esse siano. Il giurista d’impresa non è un avvocato (e se è avvocato perché ha superato l’esame di abilitazione alla professione forense, non può iscriversi all’albo degli avvocati).

Questo significa che qualora tu sia interessato a intraprendere questo percorso, subito dopo l’università non sarai costretto a sottoporti ai 18 mesi di pratica o comunque agli altri tirocini/scuola per le professioni legali, che sono previste per legge per diventare appunto un avvocato, un notaio o un magistrato. Non solo, non dovrai neppure sostenere esami o concorsi!

Non ti nascondo però che certe aziende richiedono come requisito per lavorare all’interno del proprio ufficio legale, che il giurista abbia avuto esperienza come avvocato (o quanto meno come praticante avvocato).

In ogni caso, per cercare di dare qualche consiglio in più per chi desidera scegliere il percorso della consulenza legale aziendale, ho deciso di fare un breve video (a dire il vero me lo ha chiesto un laureando di Udine). In questo video spiego come cercare di inserirsi in questo settore, fornisco indicazioni su come scegliere un master per perfezionare la propria formazione universitaria, su come “cercare e non cercare” questo lavoro e infine sul ruolo che gioca l’inglese in questa professione.

Buona visione!

consulenza-legale

 

 

 

Commenti

commenti

Related Posts

Lascia un commento

Oppure

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

mautic is open source marketing automation