Studiare Diritto Facile

Attualmente in Lettura

Laurea in giurisprudenza: le prospettive nel settore assicurativo

Nonostante sia pieno Agosto, se stai pensando di iscriverti a giurisprudenza o se presto o tardi conseguirai una laurea in giurisprudenza, è meglio per te non abbassare la guardia.

Come forse saprai fare l’avvocato oggi non è più come un tempo… 30 anni fa essere avvocato significava successo e soddisfazioni professionali praticamente garantite. Allo stato attuale le cose sono molto cambiate e, in tantissimi casi, fare l’avvocato rischia di essere meno appagante ed economicamente meno remunerativo di professioni quali il commesso, l’impiegato di azienda o il cassiere.

Proprio per questa ragione, se non hai una forte vocazione per la professione di avvocato o per un’altra professione legale classica (magistrato, notaio, giurista di impresa), non puoi non valutare che cosa offre oggi giorno il mercato del lavoro ai laureati di giurisprudenza.

laurea-giurisprudenza-assicurativo2Con l’articolo di oggi, in particolare, voglio parlare delle prospettive nel settore assicurativo…

Non lo farò io personalmente dal momento che, mio malgrado, conosco poco questo mondo. Lo farò con l’aiuto di un amico ed esperto del settore: Salvatore Infantino.

Salvatore è Autore del manuale “L’Intermediario Assicurativo e Riassicurativo – Manuale completo per la prova scritta e orale per l’iscrizione al RUI sezioni A e B” – Edizioni Giuridiche Simone, Fondatore e Amministratore di Insurance Lab – Formazione Assicurativa, Leader nei Corsi di Preparazione all’Esame IVASS per Agente e Broker di Assicurazione oltre ad essere consulente di una nota azienda del settore del lusso.

Ho posto a Salvatore una semplice domanda: “mi puoi dire quali sono gli sbocchi professionali nel settore assicurativo per un laureato in giurisprudenza?”

Ti riporto di seguito la sua esaustiva risposta e i suoi numerosi consigli!

Il settore assicurativo può considerarsi a pieno titolo uno degli sbocchi naturali per un laureato in giurisprudenza. Vi sono infatti numerose professionalità all’interno di questo settore nelle Compagnie Assicurative sia tra gli intermediari (agenti e broker) che si occupano della distribuzione delle polizze assicurative.

Vediamo di seguito quali sono le occupazioni che richiedono una laurea in giurisprudenza o per le quali tale laurea costituisce un valore aggiunto:


LAVORARE PRESSO LA DIREZIONE DI UNA COMPAGNIA – AREA LEGALE / CONTRATTUALISTICA, COMPLIANCE E ASSUNTIVA

Le direzioni delle Compagnie Assicurative sono principalmente a Milano e Roma (ma qualcuna ha sede anche a Torino e Bologna). Numerose sono le opportunità di stage per neolaureati in qualunque funzione aziendale, ma quelle che più specificatamente hanno bisogno di laureati in giurisprudenza sono:laurea-giurisprudenza-assicurativo1

  • l’area legale la quale si occupa, oltre che della revisione della contrattualistica aziendale, anche della redazione dei testi di polizze (i cd. wording) e della modulistica obbligatoria prevista dall’autorità di vigilanza (l’IVASS). Tale funzione dà quindi supporto alla direzione tecnica che si occupa di ideare il prodotto assicurativo e stabilire le relative tariffe.
    In questo caso il laureato in giurisprudenza deve conoscere la regolamentazione IVASS e la tecnica assicurativa. Un testo molto completo per comprendere il mondo della tecnica assicurativa è il Manuale di Tecnica Assicurativa.
  • il settore audit / compliance preposto alla verifica della conformità dell’attività della Compagnia e della rete commerciale (gli agenti) alle tantissime norme previste dall’IVASS.
    Un testo completo per comprendere la regolamentazione del settore è il manuale Intermediario Assicurativo e Riassicurativo edito dalla Simone.
  • la funzione tecnico assuntiva che si occupa di quotare i rischi proposti dalla rete commerciale. Gli stipendi vanno dai € 35.000 ai € 45.000 annui.
    Cliccando qui trovate tutte le pagine “Lavora con noi” delle principali Compagnie Assicurative italiane.

LAVORARE PRESSO LA DIREZIONE SINISTRI DI UNA COMPAGNIA

Un’altra possibile carriere che potrebbe intraprendere il laureato in giurisprudenza è quella di Ispettore liquidatore di sinistri.

L’ispettore liquidatore di sinistri svolge per conto della compagnia di assicurazioni presso le diverse sedi territoriali della stessa l’attività di accertamento e di liquidazione dei danni subiti da terzi e da assicurati, in seguito ad un incidente per il quale esista copertura assicurativa. laurea-giurisprudenza-assicurativo
L’Ispettore liquidatore svolge le seguenti attività:

  • esamina la denuncia e ne verifica la regolarità amministrativa, dopo aver ricevuto gli incartamenti relativi al sinistro o incidente;
  • accerta le modalità con le quali è avvenuto il danno. Nell’ambito di questa fase, che prende il nome di istruzione del sinistro, l’Ispettore liquidatore di solito utilizza consulenti esterni, in particolare nei sopralluoghi. Per la quantificazione dei danni materiali si avvale di Periti, mentre in presenza di danni fisici incarica il Medico Legale di accertarne l’entità (inabilità temporanea, permanente, parziale o totale). In sostanza, il suo compito è quello di seguire la pratica finché rimane in ambito ‘extragiudiziale’, vale a dire al di fuori del tribunale, mentre, nel caso in cui venga promossa una causa giudiziaria, è tenuto a rimettere il tutto nelle mani dei legali della compagnia;
  • liquida le pratiche di risarcimento dei danni.

L’Ispettore liquidatore dei sinistri deve possedere spiccate capacità relazionali e di negoziazione ed un notevole grado di autonomia organizzativa e decisionale. Questi requisiti sono essenziali per la definizione di un rapporto fiduciario con la propria compagnia di assicurazioni. Infine, la conoscenza approfondita e aggiornata delle materie giuridiche in genere e del diritto civile rappresenta il bagaglio di competenze indispensabile allo svolgimento di questa attività.
Gli stipendi vanno dai € 35.000 ai € 45.000 annui a seconda dell’anzianità.
Non esistono percorso formativi specifici per questa professione che si impara principalmente on the job. Per questo motivo la richiesta anche di neolaureati è alta. Per chi volesse approfondire questi temi, riporto di seguito il link di alcuni libri sul risarcimento danni nell’RC Auto:
Responsabilità civile automobilistica. Risarcimento e liquidazione dei danni alle cose e alle persone
Analisi dei sinistri e perizie assicurative


LAVORARE PRESSO UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO O DIVENTARE AGENTE O BROKER

Un’altra opzione è quella si operare, a vario livello come intermediario assicurativo

In Italia le polizze sono distribuite per più del 90% da intermediari assicurativi (il restante 10% direttamente da Compagnie Assicurative on-line).
L’attività di intermediazione assicurativa è riservata esclusivamente ai soggetti iscritti al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi (RUI) e che hanno la residenza o la sede legale in Italia o di un altro Stato membro. Si tratta di figure imprenditoriali/commerciali che si occupano in vario modo della distribuzione e vendita di polizze assicurative e che guadagnano a provvigione in base al portafoglio clienti che riescono a costruirsi negli anni.

Property insurance and security concept. Protecting gesture of man and symbol of house.

Il registro è composto da 5 sezioni distinte. Spieghiamo di seguito le principali:

  • Le sezioni A e B del RUI sono dedicate rispettivamente agli agenti e ai brokers.
    In base all’art. 109 del Codice di Assicurazione gli agenti di assicurazione agiscono in nome e per conto di una impresa di assicurazioni e pertanto sono legati a questa da un rapporto di collaborazione.
    I brokers di assicurazione agiscono invece su incarico del cliente e senza potere di rappresentanza di imprese di assicurazione o di riassicurazione. A differenza dell’agente, questa figura è quindi indipendente e deve avere rapporti ed operare con più imprese assicurative, collaborando anche, se il mandato lo prevede, alla gestione e all’esecuzione, soprattutto in caso di sinistri, dei contratti conclusi.
    Per accedere a queste due sezioni è necessario superare un esame di idoneità scritto che viene bandito dall’IVASS una volta l’anno. Sul sito www.esamerui.it trovate tutte le informazioni su questo esame che permette l’accesso alla professione.
  • La sezione E è riservata all’intermediario che collabora con l’agente (una volta chiamato subagente) o il broker.
    Mentre l’agente e il broker possono collaborare direttamente con le Compagnie e avere una rete commerciale di collaboratori, l’intermediario iscritto in sez. E può solo collaborare con agenti e broker.
    Per diventare collaboratore non occorre fare l’esame IVASS, ma soltanto svolgere un corso base online di formazione iniziale di 60 ore che si concluderà con una prova scritta in aula svolta dalla società di formazione che organizza il corso. Sarà poi cura dell’agente o del broker, una volta ricevuto l’attestato dello svolgimento del corso di 60 ore, di iscrivere al RUI il nuovo collaboratore.

Infine va evidenziato che le società di brokeraggio hanno in genere una dimensione media maggiore rispetto alle agenzie e spesso una struttura superiore ai 10 dipendenti. Queste sono pertanto in grado di proporre offerte lavorative a soggetti che, pur non iscritti alle relative sezioni del RUI, intendono operare nel settore assicurativo come dipendente di dette società.
Il portale lavoro di riferimento per chi è alla ricerca di lavoro nel settore assicurativo è www.ioassicuro.it dove ogni mese vengono pubblicate le migliori offerte del settore e in cui è possibile caricare il proprio CV e farsi selezionare da Compagnie, agenzie e società di brokeraggio.


Ringrazio Salvatore per questa accurata panoramica sugli sbocchi professionali per tutti coloro che, in possesso di una laurea in giurisprudenza, intendano approcciare il mercato assicurativo.

Se anche tu sei interessato ad intraprendere questa carriera non sottovalutare l’importanza di iniziare a specializzarti già durante l’Università. Molte facoltà prevedono tra gli esami opzionali materie quali il Diritto delle Assicurazioni ed il Diritto Previdenziale. Frequentare questi corsi e approfondire queste materie sarà sicuramente un punto a tuo favore nella fase di ricerca di lavoro.

Commenti

commenti

Related Posts

Lascia un commento

Oppure

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

mautic is open source marketing automation